Firenze, Museo Egizio

Maat

Direzione: Dott.ssa. Maria Cristina Guidotti
Indirizzo: Piazza SS Annunziata 9/b 50121 Firenze
Tel.: 055-23575 Fax: 055-242213
Orario: si veda il Museo Archeologico di Firenze
Biglietto: si visita con lo stesso biglietto del Museo Archeologico di Firenze

Schede illustrative delle sale

Il Museo Egizio di Firenze è secondo in Italia solo al famoso Museo Egizio di Torino. Un primo nucleo di antichità egiziane era presente a Firenze già nel settecento nelle collezioni medicee, ma nel corso dell’ottocento fu ampiamente incrementato. Grande merito in proposito ebbe il Granduca di Toscana Leopoldo II, che, oltre ad acquistare alcune collezioni, finanziò insieme a Carlo X re di Francia, una spedizione scientifica in Egitto negli anni 1828 e 1829. La spedizione era diretta da Jean Francois Champollion, il decifratore dei geroglifici e dal pisano Ippolito Rosellini colui che sarebbe diventato il padre dell’egittologia italiana, amico e discepolo di Champollion. I numerosi oggetti raccolti lungo il viaggio, sia eseguendo scavi archeologici, sia acquistando reperti da mercanti locali, furono equamente suddivisi al ritorno tra il Louvre di Parigi e Firenze.

Nel 1855 fu istituito formalmente il Museo Egizio di Firenze e nel 1880 l’egittologo piemontese Ernesto Schiaparelli, il futuro direttore del Museo Egizio di Torino, fu incaricato di trasferire e riordinare le antichità egiziane nell’attuale sede insieme al Museo Archeologico.

Con Schiaparelli le collezioni fiorentine ebbero un nuovo notevolissimo incremento, grazie ai suoi scavi e acquisti effettuati in Egitto prima di trasferirsi a Torino. L’ultimo gruppo di raccolte pervenute al Museo Egizio di Firenze consiste in donazioni di privati e di istituzioni scientifiche: in particolare sono da ricordare i reperti donati dall’ Istituto Papirologico Fiorentino, provenienti dagli scavi effettuati in Egitto tra il 1934 e il 1939. Fra questi reperti è la collezione di stoffe di epoca Copta, che è una delle più ricche e importanti del mondo.

Attualmente il Museo Egizio di Firenze ha in organico un egittologo e conta oltre 14.000 reperti distribuiti in nove sale e due magazzini. Le sale che ospitano gli oggetti sono in gran parte rinnovate: alla vecchia sistemazione ideata da Schiaparelli si sta sostituendo il nuovo allestimento, ordinato cronologicamente e per quanto è possibile topograficamente. La collezione comprende materiale che va dalla preistoria all’Epoca Copta, con notevoli raccolte di stele, vasi, usciabti, amuleti e bronzetti di varie epoche. Fra i numerosi oggetti importanti e interessanti sono da segnalare alcune statue dell’epoca di Amenofi III, il carro della XVIII dinastia, il pilastro della tomba di Sety I, il calice di Fayence a bocca quadrata, il corredo della nutrice della figlia del faraone Taharqa, il ritratto di donna del Fayum nonché un’importante raccolta di calchi in gesso della fine dell’ottocento.

MaatDonna che prepara la birra. V dinastiamummiaSarcofago egizio